[CYBERTOOL] IT Assessment: con quale grado di efficienza il Team IT gestisce la sicurezza informatica della tua azienda?

L’avvento dell’intelligenza artificiale ha aperto scenari innovativi, ma ha anche sollevato interrogativi critici riguardanti la sicurezza, la trasparenza e l’etica delle sue applicazioni. In questo contesto, l’Unione Europea ha proposto l’AI Act, un inedito quadro normativo che mira a regolamentare l’uso dell’IA nell’UE. Fondato su un approccio basato sul rischio, questo atto si propone di garantire la sicurezza e la non discriminazione nei sistemi di IA, promuovendo al contempo l’innovazione e il rispetto dei diritti fondamentali. Questa introduzione fornirà una panoramica sintetica dei principi, degli obiettivi e delle implicazioni dell’AI Act, sottolineando il suo ruolo fondamentale nel plasmare il futuro dell’IA nell’Unione Europea e oltre.

Principi Fondamentali e Obiettivi

L’AI Act si fonda su un approccio basato sul rischio, stabilendo regole più severe per le applicazioni di IA considerate ad alto rischio. Questo include l’introduzione di un sistema di governance rafforzato a livello UE, un elenco ampliato di divieti, e requisiti rigorosi per la valutazione dell’impatto sui diritti fondamentali. L’obiettivo è garantire che i sistemi di IA siano sicuri, trasparenti, tracciabili, e non discriminatori.

IA: uso e Regolamentazione

Il testo prevede un elenco di usi vietati dell’IA, come il punteggio sociale, e stabilisce regole per usi ad alto rischio in settori critici come istruzione, sanità, e lavoro. Inoltre, introduce requisiti di trasparenza per strumenti come deepfake e chatbot AI. Per facilitare e al contempo rendere più sicura innovazione, propone l’istituzione di sandbox permettendo lo sviluppo e il test di applicazioni rischiose in ambienti controllati.

É previsto un regime più rigoroso per i modelli addestrati con grandi quantità di dati e di complessità, capacità e prestazioni avanzate.

Governance e Supervisione

L’atto prevede la creazione di un Ufficio per l’IA e un gruppo scientifico di esperti indipendenti per supervisionare l’implementazione e l’applicazione delle regole. Un comitato per l’IA, composto da rappresentanti degli Stati membri, e un forum consultivo per gli stakeholders che saranno coinvolti nella promozione di buone pratiche.

AI Act: conclusioni e Prospettive Future

L’AI Act, anche se non ha completato il proprio iter approvativo, se confermato nei contenuti, segna un importante passo avanti nella regolamentazione dell’IA, cercando di bilanciare l’innovazione tecnologica con la protezione dei diritti fondamentali e la sicurezza. Con la conclusione del processo legislativo e l’approvazione formale del testo definitivo, l’Unione Europea si posiziona come punto di riferimento nella definizione di standard normativi per l’IA, con implicazioni significative per lo sviluppo tecnologico e l’innovazione a livello globale. La collaborazione tra gli Stati membri, le istituzioni UE, e le parti interessate sarà cruciale per assicurare che l’IA sia sviluppata e utilizzata in modo responsabile etico e non discriminante.

CYBERTOOL – Team IT Self Assessment

"*" indicates required fields

Il Team IT utilizza uno schema di identificazione degli incidenti informatici?*
Esiste un elenco che classifica gli incidenti informatici in base alla loro gravità?*
Esiste un sistema di monitoraggio degli eventi informatici?*
Il Team IT dispone di un Incident Response Plan?*
In caso di incidente informatico:*
Esiste una policy di prevenzione contro gli attacchi informatici?*
Come si comporta il Team IT quando viene rilevata una minaccia?*
Sono effettuate attività di sensibilizzazione verso i collaboratori aziendali?*
Il Team IT ha mai partecipato a delle esercitazioni di Incident Response?*
Le Incident Response Policy sono valutate periodicamente?*
Il Team IT svolge attività di allineamento interno?*
Entro quanto viene risolta una richiesta proveniente da un collaboratore aziendale?*
Come viene seguita la gestione dei dati?*
Il Team IT svolge verifiche di idoneità sui supporti in dotazione ai collaboratori aziendali?*
Il Team IT svolge formazione periodica?*
Nome*

PER QUANDO HAI TEMPO E VOGLIA DI APPROFONDIRE